Giorno 23 - il Conteggio dell'Omer

Giorno 23 - Geburah di Netzach: 
disciplina nella resistenza




 Gli automatismi, ovvero la capacità di eseguire azioni meccanicamente senza la partecipazione piena della coscienza o della volontà, come la maggioranza dei meccanismi psicologici, si formano con una valenza positiva per l'individuo.
È infatti questo meccanismo che ci permette di compiere più azioni contemporaneamente ad esempio passeggiare parlando con qualcuno, mangiare mentre guardiamo un film ma anche di non preoccuparci di dove abbiamo messo le chiavi di casa.

Ma a causa  della tendenza del nostro cervello a lavorare a risparmio energetico, gli automatismi, a volte cessano di essere una risorsa, e può capitare che finiscano per riduci in schiavitù. Per dirla con Nietzsche "Ogni abitudine rende la nostra mano più ingegnosa e meno agile il nostro ingegno".

Cosa fa la differenza? Le due cose cui dobbiamo porre attenzione sono l'eccesso e la rigidità. 



"La resistenza deve essere orientata verso obiettivi produttivi ed esprimersi in modo costruttivo. La mia tenacia e la mia resistenza sono focalizzate nel creare buone abitudini e a rompere quelle cattive? 
Esercizio del giorno: Spezzate una cattiva abitudine oggi."

Pillola di psicologia: vi è un intero settore della psicologia che utilizza questa prospettiva e questo modello d'uomo. Stiamo parlando del comportamentismo. Questo filone nasce con i famosissimi studi di Pavlov, il quale ha scoperto che il cervello può associare degli stimoli tra loro se questi si presentano insieme un sufficiente numero di volte. 
Al cane viene presentato del cibo e il cane comincia a salivare, se al cibo viene associato il suono di una campanella dopo un certo numero di volte sarà sufficiente il suono della campanella a provocare la salivazione.

Partendo da questi studi Skinner ha  cominciato a lavorare sulle procedure di condizionamento operante, l'assunto è che ogni comportamento può in tal modo essere appreso o disappreso e che anzi ogni nostro comportamento è derivato da un apprendimento causato dal condizionamento dell'ambiente attraverso gratificazioni e punizioni.

Questo modello è ancora oggi molto utilizzato per la cura delle fobie, non permette un lavoro profondo su di sè ma è senz'altro utile per la remissione di sintomi che possono essere gravi e a volte mettere in pericolo la vita stessa della persona.



La parte scritta in blu deriva direttamante da:
Meditazioni di Simon Jacobson 
Fonte: it.chabad.org


Post a cura di Giovanna Mass

Commenti