Giorno 15 - il Conteggio dell'Omer

Giorno 15 - Chesed di Tipheret: 
benevolenza nella compassione





Cominciamo oggi a meditare sulla compassione.
Partiamo facendo un po' di chiarezza. Il tema degli atteggiamenti prosociali, come sono chiamati in psicologia, si sta dibattendo molto negli ultimi anni, soprattutto a partire dalla scoperta dei neuroni specchio, stiamo parlando degli anni 90 quando un gruppo di ricercatori dell'università di Parma scopre praticamente per caso, o per serendipità come si dice nella ricerca, che esistono dei  neuroni che si attivano sia quando un individuo esegue un'azione sia quando lo stesso individuo osserva la medesima azione compiuta da un altro soggetto. E' stata una vera rivoluzione nelle neuroscienze e da allora le scoperte si sono susseguite a ritmi vertiginosi.
Si comincia a parlare sempre più di frequente di empatia fino a trasformarla in una delle parole più abusate degli ultimi anni.
Ci mette però in guardia il neuroscienziato Richard Davidson "c’è una differenza sostanziale tra empatia e compassione. L’empatia è la capacità di sentire ciò che sentono gli altri, la compassione è uno stadio superiore, c’è quando ci sono l’impegno e gli strumenti necessari per alleviare la sofferenza. E' infatti emerso che i circuiti neurologici che portano all’empatia e alla compassione sono diversi" Se è vero che quando osserviamo qualcuno provare dolore si attivano le stesse reti neurali che si attivano quando siamo noi a provare dolore, è altrettanto vero che quando generiamo compassione si attivano reti neurali associate a sentimenti di amore, calore e sollecitudine.
La parte più interessante degli studi di Davidson è che la compassione e la gentilezza possono essere allenate.
Torneremo probabilmente sull'argomento in settimana, vi lascio adesso al pensiero del giorno di Simon Jacobson:


" Chiedetevi: la mia compassione è amorevole o deriva dalla pietà? È condiscendente o distaccata? La mia compassione è colma di amore e calore, esprimendola con entusiasmo, o è statica e priva di vitalità?


Esercizio per il giorno: quando aiutate qualcuno cercate di fare qualcosa di più, offrendo un sorriso o un gesto d'amore"


La parte scritta in blu deriva direttamante da:
Meditazioni di Simon Jacobson 
Fonte: it.chabad.org


Post a cura di Giovanna Massari 

Commenti