Giorno 7 - il Conteggio dell'Omer

Giorno 7 - Malkuth di Chesed: 
nobiltà nella benevolenza




Con il conteggio di oggi oggi si conclude la prima delle sette settimane. Abbiamo accennato all'idea di contare i 49 giorni che iniziano con la Pesach (liberazione dalla schiavitù egiziana) a Shavu'ot (ricezione della Torà) non abbiamo detto che Conteggio dell'Omer in ebraico è Sefirat ha'omer.
Sefirà oltre ad avere come significato il verbo "contare" (ne è traduzione letterale) è anche il nome delle dieci emanazioni divine rappresentate sull'Albero della Vita: Kether, Chokmah, Binah, Chesed, Geburah, Chesed, Tipharet, Netzach, Hod, Yesod, Malkuth... ricordano qualcosa, vero? 
Eh già, le ultime sette sono quelle che stiamo contando: ogni settimana è associata ad una delle sette Sephirot inferiori (che rappresentano gli attributi materiali ed emotivi dell'essere umano su cui ciascuno di noi ha la possibilità di lavorare) e anche ogni giorno è associato ad una Sefira portando appunto alle 49 permutazioni che stiamo attraversando.

 Sefer indica quindi sia l'azione che stiamo compiendo che lo strumento che stiamo utilizzando.

Dice Jarona Pinhas "la vita materiale dell'uomo è un conto con debiti e crediti, un impegno enorme il cui scopo è poter contare su qualcuno o qualcosa in ogni momento dell'esistenza. [...] I miei pensieri, le mie parole, le mie azioni contano  e anche le tue e le sue... ciò che conta per me forse non conta per te e ciò che conta nella Terra non ha alcun valore in Cielo. [..]Guardiamo spesso l'orologio perchè abbiamo il tempo contato. [...] La cosa importante è renderci conto e iniziare a fare la resa di conti con grazia e gentilezza, soprattutto verso noi stessi, cancellare il debito; e l'astio si trasforma in comprensione".

Il Conteggio dell'Omer è uno degli strumento davvero interessane in tal senso.
L'invito che riceviamo oggi da Simon Jacobson ci riporta al centro di noi stessi, ci ricorda che ciascuno di noi conta.


" L'amore maturo porta ad un sentimento intimo di nobiltà e regalità. Conoscere il proprio posto speciale e il contributo in questo mondo. Qualsiasi amore che è debilitante e spezza lo spirito umano non è amore.
Esercizio per il giorno: Evidenzia un aspetto del tuo amore che ha rafforzato il tuo spirito e arricchito la tua vita ... e festeggia!"


La parte scritta in blu deriva direttamante da:
Meditazioni di Simon Jacobson 
Fonte: it.chabad.org


Post a cura di Giovanna Massari e Sara De Amicis

Commenti